You are here: Home Page arrow Carta dei Servizi arrow Analisi del sangue
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Computer Alta FedeltÓ
  Il nostro fornitore di fiducia per Hardware & Software

Ministero Salute
  Info, leggi e normative del settore sanitario.

ASL SA/3
  Sito dell'ASL SA/3

B.U.R.C.
  Bollettino Ufficiale Regione Campania

Analisi del sangue

 

Il sangue è costituito da una parte liquida, chiamata plasma, e da una parte cellulare o corpuscolata.
Nel plasma è presente una vasta gamma di sostanze quali enzimi, minerali, lipidi, ormoni, zuccheri, vitamine, proteine ecc. La parte corpuscolata è costituita dai globuli rossi o eritrociti, da globuli bianchi o leucociti e dalle piastrine.

E' probabilmente l`esame piu diffuso e più richiesto perché, attraverso il sangue, non solo si riescono ad individuare le sostanze che circolano nel corpo, ma si riesce anche a capire se un organo sta funzionando bene o se invece ha qualche difetto.

L'analisi del sangue è un esame veloce e indolore. ll prelievo viene solitamente effettuato da una vena alla piega del gomito, sull'avambraccio o sul dorso della mano. La quantità di sangue estratto dipende dal numero di analisi che si devono eseguire, ma in ogni caso si tratta sempre di una quantità molto piccola; il prelievo, in genere, viene eseguito, in uno specifico laboratorio, a stomaco vuoto, di preferenza alla mattina, per evitare che le sostanze contenute nel cibo ingerito alterino il normale equilibrio del sangue.

Gli esami sotto elencati sono i piu' comuni e non sono ovviamente tutti quelli possibili in quanto il loro numero e' elevato. Bisogna precisare che i valori "normali" di riferimento riportati in questo sito possono variare a seconda del laboratorio che esegue le analisi, a causa delle diverse metodologie utilizzate.

E' importante precisare che se si ottengono valori diversi da quelli considerati normali non significa necessariamente che ci sia in atto una malattia, quindi non ci si deve allarmare. La cosa piu' saggia da fare è quella di far valutare i risultati delle analisi dal proprio medico o da uno specialista e mai, in nessun caso, improvvisarsi esperti e fare delle diagnosi su se stessi o su altri, tantomeno assumere farmaci senza il consiglio del proprio medico curante.